Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.

Jesi protagonista nella "Notte dei Musei"

Cinque spazi culturali in città per la "Notte dei Musei" di domani (sabato 20) e la "Festa dei Musei" di domenica che concludono lo specifico percorso di iniziative culturali coordinato dalla Regione Marche e declinato attraverso il tema “Raccontare l’indicibile nei musei: bagagli di rinascita”.

Il tema ha ispirato una serie di iniziative che hanno rappresentato un momento di riflessione e di solidarietà nei confronti  delle popolazioni colpite dai recenti eventi sismici, connotando i musei, le biblioteche e gli archivi storici come il motore della rinascita dei territori in quanto depositi del patrimonio culturale e della memoria storica.
E così alla Pinacoteca Civica di Palazzo Pianetti si potrà visitare la mostra fotografica di  Alessandro Tesei dal titolo "Ascosi lasciti. Esplorazioni urbane per una nuova cultura della sicurezza e della valorizzazione del patrimonio culturale" (inaugurazione ore 18), mentre alla Biblioteca Planettiana di Palazzo della Signoria il gruppo di lettura Adult(i) del Liceo Classico proporrà una serata di presentazione e lettura dei romanzi che, nel corso dell’itinerario svolto durante l’anno, hanno lasciato un segno profondo, uniti dal tema  "Gli itinerari dell'anima e...gli strani percorsi dei sentimenti".
Nella sede del Liceo Classico, in Corso Matteotti, il tema delle esplorazioni sarà declinato attraverso un'esposizione documentaria dal titolo "Il desiderio dell'ignoto: da Jesi al Rio Paranà, dall'Islanda alla Luna". "Da Jesi al Rio Paranà", come recita la prima parte del sottotitolo, illustrerà l’esperienza sudamericana dello jesino Adriano Colocci a fine ottocento e "Dall’Islanda alla Luna", sarà la sezione dedicata al museo islandese di Husavik, un museo dell’esplorazione gestito da due giovani jesini, nei cui pressi, dal 1965 al 1967, diversi astronauti americani delle missioni Apollo si recarono per il loro addestramento geologico.
Ancora il tema delle esplorazioni, questa volta nell'iconografia pittorica delle opere di carattere devozionale, sarà al centro della mostra organizzata nei locali del Museo Diocesano di Piazza Federico II e intitolata "Riti e atti devozionali contro i mali e le calamità: esplorazioni pittoriche". Infine, nelle sale museali di Palazzo Bisaccioni, sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, una visita guidata a tema dal titolo "Insolite esplorazioni attraversi i sensi" illustrerà ai visitatori gli aspetti iconografici delle opere della collezione legati alla dimensione sensoriale.
Le iniziative previste per la "Notte dei Musei" di sabato 20 Maggio saranno fruibili gratuitamente anche domenica 21 Maggio, in orario di apertura delle strutture ospitanti, con l'aggiunta della visita guidata alla Chiesa di Santa Caterina alle Valche in Via Roma, aperta in via eccezionale grazie ai volontari delle sezione jesina dell'Archeoclub d'Italia dalle ore 16 alle ore 19,30.
Le visite guidate in ciascuna struttura aderente alla "Notte dei Musei" 2017 osserveranno i seguenti orari: 21:15, 22:00, 22:45, 23,30 - 00,15. Ingresso gratuito senza obbligo di prenotazione, fino a esaurimento dei posti disponibili. Info: Ufficio Turismo: 0731 538420.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Cronaca

La Cronaca più importante della Vallesina grazie alla collaborazione con Jesi e la sua Valle e Vivacittà per essere sempre informato.

Zap-Juice muove e promuove il territorio

Zap Juice è quindi un contenitore plastico, un laboratorio che raccoglie e raccorda sensibilità, conoscenze professionali, passioni tutte unite da uno slancio organizzativo pionieristico e dalla certezza che in ogni iniziativa la comprensione e la condivisione non sono atti dovuti, piuttosto un esito spontaneo scaturito dal rispetto di ruoli, dalla coincidenza di interessi e opportunità.

Esutur Bus Tour Operator

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla newsletter per essere sempre informato sulle notizie della Vallesina.